Cookie Policy Dal Brasile a Capoliveri, il Team Santa Cruz FSA vuole brillare ancora – Internazionali d'Italia series 2022

Dal Brasile a Capoliveri, il Team Santa Cruz FSA vuole brillare ancora

Dopo la positiva trasferta di Coppa del Mondo, il team italo-americano punta su Braidot, Berta, Seiwald e Cortinovis per centrare il bersaglio grosso nella terza tappa di Internazionali d’Italia Series (lunedì 18 aprile) all’Isola d’Elba

La prima tappa di Coppa del Mondo in Brasile l’ha confermato: il Team Santa Cruz FSA è una delle squadre del momento a livello internazionale. Un mix ben assemblato di giovani promesse e atleti più esperti, che dopo la trasferta di Petropolis non vede l’ora di attaccare nuovamente il numero di gara per prendere parte a Capoliveri Legend XCO, la terza tappa di Internazionali d’Italia Series in programma lunedì 18 aprile.

All’Isola d’Elba non c’è la giungla brasiliana ad attendere gli atleti, ma tortuosi sentieri che si snodano a strapiombo sul mare, ai piedi del Monte Calamita e delle sue antiche miniere di ferro. A Capoliveri ci vorranno tecnica e gambe forti per emergere, e per il Team Santa Cruz FSA l’appuntamento HC elbano rappresenta una ghiotta occasione per centrare il risultato pieno dopo tanti piazzamenti di assoluto prestigio.

A guidare la spedizione del Team Santa Cruz FSA a Capoliveri ci sarà il friulano Luca Braidot, in questo momento l’atleta di riferimento del Cross Country italiano al maschile. Sesto in Coppa del Mondo in Brasile, il due volte tricolore ha chiuso al secondo posto la prima prova di Internazionali d’Italia Series a San Zeno di Montagna, ma mai come stavolta ha una grande opportunità per rompere il ghiaccio.

“Sto bene, la condizione è molto buona – ha spiegato Luca Braidot – e il percorso mi piace, si adatta molto alle mie caratteristiche. Inoltre, conosciamo già le sue insidie perché siamo stati in ritiro all’Elba questo inverno per preparare la stagione.”

Il Team Santa Cruz ha inoltre tante frecce al proprio arco per quanto concerne la gara Donne Open: dalla valdostana Martina Berta all’altoatesina Greta Seiwald, per non parlare della giovanissima Sara Cortinovis, seconda all’esordio in Coppa del Mondo fra le U23.

La bergamasca, che nel 2021 ha stupito a Internazionali d’Italia Series conquistando tutte le prove nella categoria Juniores, ha dimostrato di non avere timori reverenziali nei confronti delle colleghe più esperte. Il secondo posto conquistato in Brasile è il risultato di una prima parte di stagione andata oltre le aspettative per il talento emergente della MTB azzurra al femminile.

“Sono carica in vista della gara di Capoliveri, arrivo dalla bella prestazione in Coppa del Mondo e il percorso dell’Isola d’Elba mi piace moltissimo”, ha dichiarato Sara Cortinovis. – “Inoltre, la location è bellissima, un fattore non certo secondario. Anche se ho un po’ di fuso orario da smaltire, sono molto fiduciosa: credo di poter fare una bella gara”.